L’incredibile aumento degli affitti a Tenerife negli ultimi 2 anni

Il prezzo delle case ed il costo degli affitti a Tenerife sono in aumento da molti anni, ma nell’ultimo anno si è registrato un consistente rialzo, tanto che rischia di andare a mettere in difficoltà coloro che vivono in appartamenti in affitto. Da quando abito a Tenerife mi sono spostato in 5 abitazioni diverse, avendo usufruito di diverse case che nel periodo invernale vengono affittate ai turisti mentre in quello primaverile-estivo vengono affittate per 4 o 6 mesi. Per questo motivo negli ultimi 2 anni ho costantemente monitorato il mercato degli affitti, attraverso siti come Milanuncios.es, Idealista.es e altri. Ho dunque molto ben presente l’aumento dei prezzi degli affitti che ha avuto luogo in questo periodo.

Affittare casa a Tenerife: le differenze tra Aprile 2015 e Marzo 2017

Quando sbarcai sull’isola, il 9 Aprile 2015, per un periodo di 2 settimane ho soggiornato in hotel, e nel frattempo mi detti da fare per cercare una casa in affitto. In quel periodo c’era molta più disponibilità di immobili rispetto ad oggi, ed i prezzi erano sensibilmente più bassi. Con 500 euro allora era possibile affittare a Los Cristianos ed a Las Americas una casa con una camera da letto, sala con cucina americana e bagno in un residence con piscina con 500 euro al mese, talvolta spese incluse. I monolocali (estudio) si trovavano anche a 400 euro. Oggi i prezzi sono saliti a 700€ per la casa con una stanza e 550€ per il monolocale, e non chi chiede qualcosa in più.

Nell’Aprile 2015 in località come Guaza, San Isidro, Guarguacho, La Camella, Cabo Blanco, Valle San Lorenzo, Buzanada si poteva trovare un appartamento con una camera da letto anche a meno di 300 euro. Oggi ce ne vogliono almeno 450. A Las Galletas una casa con 2 camere da letto si trovava a 450 euro, oggi ce ne vogliono 650. I monolocali nei residence della Costa del Silencio che all’epoca venivano affittati a 250-300 euro oggi non si trovano a meno di 400. L’aumento dei prezzi riguarda tutto il sud dell’isola, anche le località che non ho preso in esame: Adeje, Torviscas, El Medano, Parque de la Reina e tutte le altre.

Aumentano i turisti ed i residenti a Tenerife

Negli ultimi anni a Tenerife e anche alle altre isole dell’Arcipelago è aumentato considerevolmente il turismo, catalizzando il turismo invernale di coloro che in passato si recavano sul Mar Rosso, dove oggi a causa della minaccia terroristica non si reca quasi più nessuno. Aumento di presenze che spinge molti proprietari di case ad affittare ai turisti, che per una settimana di soggiorno pagano quanto un mese di affitto in “larga temporada”.

Oltre all’aumento dei flussi turistici come noto negli ultimi anni si sono trasferite a Tenerife moltissime persone, tra cui molti connazionali. Statistiche alla mano negli ultimi 15 anni il numero dei residenti è raddoppiato, e il numero degli arrivi negli ultimi anni si è intensificato, e continua incessante.

Qual è la prospettiva?

Secondo qualcuno i prezzi non diminuiranno, o almeno non presto, poiché continua ad arrivare gente e quindi ad esserci una gran richiesta di case, sia in affitto che da comprare. Ed in effetti il trend è questo. Ma c’è anche chi sostiene che a Tenerife situazioni come questa – con i prezzi degli affitti alle stelle – si siano verificate anche in passato, per esempio nel 2000, quando in proporzione le case allora costavano più di oggi. Ma sarebbe una “bolla” destinata a sgonfiarsi.

Effettivamente se gli affitti non dovessero calmierarsi, pagarli diventerà presto insostenibile per molte persone e famiglie, che saranno costrette a spostarsi in luoghi più economici (per esempio nel piovoso e più freddo nord dell’isola) o addirittura andarsene altrove. E anche quest’ultima eventualità finirebbe per provocare una diminuzione dei prezzi, “liberando” case e riducendo la domanda di immobili in affitto.

 

Diario di Tenerife 

 

Vedi anche: Tenerife sud, prezzo degli affitti alle stelle, le preoccupazioni di una famiglia italiana

Precedente Ecco alcuni validi hotel per le vacanze a Tenerife Sud Successivo La storia di un connazionale 28enne, auto-esiliato alle Canarie perché consumatore di Cannabis