Un papà: Vi spiego perché trasferirsi con la famiglia a Tenerife

Ho letto con simpatia i vostri articoli sui buoni motivi per trasferirsi a Tenerife per i pensionati e per i giovani ed essendomi trasferito qua con la famiglia, con mia moglie e con due bambini di 5 e 9 anni, mi permetto di suggerire i motivi per trasferirsi qua in famiglia. Se volete potete pubblicarlo.

Ambiente sicuro e tranquillo

Tenerife è ancora quella che in Italia chiamiamo una “isola felice”. La delinquenza è ridotta, quasi inesistente, o meglio si verifica qualche furtarello, ma non si sente mai parlare di violenze, aggressioni, stupri, rapimenti etc.  Nei quartieri residenziali i bambini possono stare sotto casa a giocare con i figli dei vicini come quando ero bambino io, che ho 44 anni. A Monza non mi fidavo a fare stare i bambini sotto casa a giocare senza la presenza di un adulto.

Qualità dell’aria e zero inquinamento

Nel nord di Tenerife c’è una raffineria e dunque c’è un po’ di inquinamento, ma al sud non ci sono industrie, non ci sono centrali elettriche a impatto inquinante, ed essendo l’economia basata sul turismo (hotel, ristoranti, bar, centri commerciali, etc.) non ci sono fonti di inquinamento significative. L’aria è pulitissima, c’è solo le emissioni delle automobili, che però essendo sul mare vengono spazzate dal vento, non si accumulano come in molte realtà dove lo smog crea una cappa sopra la città. Rispetto alla Lombardia e altre parti d’Italia è un altro mondo.

Mare e natura

Avere il mare ad un km da casa è un qualcosa di straordinario per noi, che proveniamo dalla Lombardia e per andare al mare dovevamo viaggiare tre ore, con relative spese di benzina e pedaggi autostradali. Oltre al mare a Tenerife c’è il vulcano e numerose riserve naturali dove trascorrere i giorni liberi in famiglia. Come abbiamo qualche ora libera portiamo i bambini al mare a divertirsi in modo sano. Questo ha un valore inestimabile.

Costo della vita inferiore

Parlare del costo della vita minore alle Canarie è scontato probabilmente, ma chi ha una famiglia sa bene quante sono le spese da affrontare con due figli, e quindi anche il risparmio offerto da Tenerife rispetto all’Italia è un fattore che incide molto. Sopratutto per chi proviene come me da una delle zone più care d’Italia. Si risparmia sulla spesa alimentare, sulle bollette, sul riscaldamento invernale (che in Brianza è un salasso per 5-6 mesi all’anno!). Bollo, assicurazione e benzina costano praticamente la metà, e si risparmia anche sul non comprare vestiti invernali, che sono quelli maggiormente costosi. A conti fatti risparmiamo qualche carta da cento tutti i mesi, e questo certo non guasta considerando che si tratta di un risparmio non dovuto a rinunce ma un risparmio nonostante la vita sia migliore.

Noi viviamo qua dal 2015, ci siamo comprati un appartamento in Costa del Silencio, lavoriamo e siamo davvero soddisfatti, il nostro livello di vita, soddisfazione e felicità sono migliorati, dunque per la nostra esperienza mi sento di dire che Tenerife è un ottimo luogo anche per le famiglie, non solo per pensionati e ragazzi che vogliono fare una esperienza all’estero.

Cordialmente

Giando e Francesca

Vi ringraziamo per la vostra utile e bella testimonianza, che pubblichiamo, prendendoci la ‘licenza’ di modificare lievemente e apportare alcune modifiche al testo, riorganizzandolo a paragrafi. Sicuramente Tenerife offre molto anche alle famiglie, anche se l’aumento dei prezzi degli affitti che si è verificato negli ultimi 2 anni sta rendendo le cose più difficile, rendendo l’isola non alla portata di tutti. Per chi ha le risorse per comprare casa come avete fatto voi sicuramente le cose sono più facili rispetto a chi deve pagare l’affitto. Grazie ancora per il vostro articolo e in bocca al lupo!

Alessandro di Diario di Tenerife

Precedente Seguiteci anche su Instagram! Successivo Testimonianze di italiani che vivono a Tenerife: le intervist

Un commento su “Un papà: Vi spiego perché trasferirsi con la famiglia a Tenerife

  1. Condivido pienamente l analisi , serena e coerente con la realtà dell isola , purtroppo in netto contrasto coi soliti detrattori che sputano veleno ma non tornano in Italia.

I commenti sono chiusi.