Crea sito

L’odio ed il razzismo contro gli Svevi

Berlino viene spesso dipinta come la summa perfetta del multikulti. Una realtà dove locali convivono in pace e amore con le varie comunità straniere della città. Dall’estero sembra come se Berlino sia un carosello allegro, un girotondo tutti mano nella mano. Tutti insieme turchi e berlinesi, italiani e francesi, americani e russi, polacchi e spagnoli. No, non è così. Il berlinese medio è intollerante, chiuso, musone e non disdegna uscite di cattivo gusto contro il prossimo. Non lo fanno con cattiveria, ma i risultati spesso non sono dei più piacevoli a vedersi. E no, non sto parlando dell’AfD, di Pegida o delle nuove ondate di xenofobia e manifestazioni anti-Islam che stanno facendo breccia in Germania. Preferisco lasciare l’analisi di questi fenomeni socio-politici a chi ne capisce più di me.

In molti descrivono Berlino come il paradiso terrestre, senza vedere i piccoli e grandi segnali di intolleranza cittadini. Dagli adesivi “Touristen Fisten” (prendi a pugni il turista) a quelli “Berlin hates U” (con il verbo “hates” rappresentato da un cuore con una croce nera sopra), dai graffiti a Schlesisches Tor sotto la U1 con scritto “Sie verlassen die touristichen Sektor” (state lasciando il settore turistico) fino al razzismo al contrario della comunità turca di Neukölln nei confronti dei cittadini tedeschi del quartiere. Ricordo ancora lo stupore quando lessi un articolo sulle scuole primarie del quartiere, dove la minoranza tedesca veniva apostrofata dai bambini turchi “Du Schweinfresser”, ovvvero “divoramaiali”.

A post shared by Roman F. (@surf_production) on

La summa massima della discriminazione però la si può vedere a Prenzlauerberg, dove l’odio ed il razzismo contro gli Svevi è ormai diventato un fatto di costume quotidiano. Se ne è parlato molte volte, di come la gentrification abbia modificato il volto di Berlino e di come i principali artefici di questo “scempio” siano ritenuti gli Svevi che, dopo la Caduta del Muro, hanno deciso di investire sul mattone berlinese trasformando un quartiere ribelle della DDR come Prenzlauerberg in una succursale di Stoccarda. Quella che molti berlinesi chiamano Schwabylon. Ed ecco quindi scritte sui muri di stile anni 30 come “Kein Ort für Schwaben” (nessun spazio per gli Svevi), “Kauft nicht beim Schwab’n” (non comprate dagli Svevi) fino al più spregevole, secco e pericoloso “Schwaben raus!”. E pensare che gli Svevi sono persone molto gentili, aperte, simpatiche. E che la cucina sveva (a mio modesto parere) è la più interessante di Germania.

Un odio incontrollato ed incontrollabile derivante da un senso di inferiorità che rende il berlinese cieco alla rabbia. Il ricco borghese svevo che compra un appartamento in città e la ripulisce dalla sporcizia, dalla desolazione, dall’Hartz IV e dal degrado è visto come il nemico giurato. Certo, gli affitti sono saliti rispetto al 1987, ma la DDR non c’è più. Molti di quei palazzi che ora sono tutti puliti, ristrutturati e perfetti fino a 25 anni fa erano rovine abbandonate a ridosso del muro sulla Bernauerstrasse. Dove ora c’è vita, attività, boutique e kindergarten grazie agli svevi prima c’era il grigiore e il dolore di una città divisa. Per questo non capisco gli “attacchi” ai simboli culturali svevi in città. Nel gennaio 2013 infatti la statua di Käthe Kollowitz fu presa d’assalto da un gruppo che lanciò spätzle (pasta all’uovo tipica della Svevia) sul monumento. Pochi mesi dopo oggetto di lancio di cibo fu la statua del filosofo Hegel nella piazza che porta il suo nome. Un bagno di currywurst berlinese che non credo il povero filosofo abbia gradito. Ultimo in ordine di tempo l’assalto a base di kartoffelsalat e polpette alla statua di Bertolt Brecht.

Quello che più mi fece rabbrividire però fu un commento su Facebook di un berlinese sulla pagina di una famosa radio cittadina che stava appunto trattando l’argomento. “Quello contro gli svevi non può essere definito razzismo. Tutto sommato sono tedeschi anche loro, no?”.

Ora che ne sapete qualcosa di più, credete ancora che Berlino sia il paradiso che tutti accoglie? Il posto perfetto dove tutti si tengono per mano facendo girotondo felici? La Wonderland dove tutto è possibile, dove tutti siamo fratelli e tutti ci vogliamo bene?

Se l’articolo ti è piaciuto metti “mi piace” alla nostra Pagina Facebook e condividilo con i tuoi amici! Trovi Berlino Caput Mundi anche su Instagram.

3 thoughts on “L’odio ed il razzismo contro gli Svevi

  • 19 Gennaio 2015 at 11:38
    Permalink

    Finalmente qualcuno che lo dice: la Germania non è “L’America d’Europa”. Ci sono molte contraddizioni interne, hanno grandi problemi sociali e molte persone vivono un senso di repressione e frustrazione. Ogni Paese ha i suoi panni sporchi da lavare, la differenza grande sta nel vedere dove vengono lavati. Mentre noi siamo i primi a sventolarli ai quattro venti e a rischiare di essere ridicolizzati per questo, altri, Francia e Germania in primis, se li fanno lavare in casa e pure a prezzi bassi, grazie ai Gastarbeiter.

    Reply
  • 9 Gennaio 2018 at 14:18
    Permalink

    Ma chi sono gli Svevi?? Che si intende con questo appellativo?

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.