Crea sito

I semafori di Berlino. La storia di Ampelmann

Uno dei simboli più caratteristici della città che fa impazzire turisti e neoresidenti è sicuramente l’omino dei semafori di Berlino. Ampelmann, appunto. Un piccolo omino paffutello che nelle sue due versioni verde e rossa, regola il traffico pedonale di Berlino. Una trovata geniale dello psicologo del traffico Karl Peglau, chiamato negli anni 60 dall’allora governo della DDR a studiare delle soluzioni per evitare le morti (eccessive) di pedoni agli incroci stradali. Nel solo periodo 1955-1960 infatti, 10.000 cittadini han perso la vita investiti nei pressi di un semaforo di Berlino Est.

E come evitare quindi la confusione, aggirare problemi come la discromatopsia e soprattutto, salvare vite umane? Con la creazione di un pupazzino simpatico che segnala quando è il caso di attraversare e quando no. Con l’unificazione tedesca si è cercato di far sparire tutti i simboli della DDR, ma Ampelmann (anche grazie ad un referendum popolare) è tornato in vita, da una e dall’altra pare del Muro. Scavalcando addirittura i confini nazionali.

Un post condiviso da Paul Slabbers (@paul_slabbers) in data:

Quanti di voi infatti dopo un soggiorno berlinese sono tornati a casa con un magnete di Ampelmann? E con un apribottiglie? E la penna? Il portachiavi? La tshirt, la felpa, il cappellino? Il successo dell’omino dei semafori di Berlino è frutto della geniale intuizione di Markus Heckhausen, un grafico originario di Thübingen che, iniziando con la creazione di lampade domestiche costruite con i vetri riciclati dei semafori di Berlino Est, ha iniziato piano piano a creare una linea apposita che mette il nostro Ampelmann ovunque! Per avere un’idea date un’occhiata al sito ufficiale: www.ampelmann.de. Da lì ai negozi, al ristorante e alla Gloria internazionale il passo è stato davvero breve.

La storia di Ampelmann, seppur breve, è costellata di successi. Dall’oblio a cui era stato destinato ad una resurrezione a furor di popolo, l’omino del semaforo è diventato uno dei simboli più conosciuti di Berlino, al pari della Porta di Brandeburgo, della Torre della Tv e della Colonna della Vittoria. Quante altre città al mondo possono vantare tra i loro ambasciatori un simbolo così simpatico e di impatto. I semafori di Berlino come monumento alla memoria cittadina, per non dimenticare un passato non così lontano, in cui da una parte c’erano le luci del capitalismo del Ku’damm e dall’altra le luci di quest’omino simpatico a regolare il traffico di Berlino Est.

Se l’articolo ti è piaciuto metti “mi piace” alla nostra Pagina Facebook e condividilo con i tuoi amici! Trovi Berlino Caput Mundi anche su Instagram.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.