La prigione nazista di Papestrasse

La prigione nazista di Papestrasse è l’unico luogo storico del terrore nazista a Berlino in cui si possono ancora trovare tracce risalenti all’anno 1933. Parliamo dei primi tempi della salita al potere di Hitler, un periodo in cui a Berlino il dissenso nei confronti del regime era ancora molto forte.

Nell’edificio originariamente destinato a caserma del reggimento ferroviario prussiano fu costruito, tra il marzo e il dicembre del 1933, un primo campo di concentramento guidato dalla SA. Gli uomini delle SA hanno arrestato, interrogato e torturato principalmente dissidenti politici, ebrei e altri gruppi perseguitati dal regime nazista. Al momento si conoscono i nomi di appena circa 500 persone che furono imprigionate nella prigione nazista di Papestrasse. Il numero totale di detenuti era sicuramente molto più grande. Oggi una completa ricostruzione storica è quasi impossibile.

SA Prison Papestrasse 03-15 interior-bw Foto2.jpg
Von A.Savin (Wikimedia Commons · WikiPhotoSpace) – Eigenes Werk, CC BY-SA 3.0, Link


POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:
Il Campo di Concentramento di Sachsenhausen
Il panificio delle SS
Architettura Nazista a Berlino

L’edificio fu largamente risparmiato dalla distruzione della guerra. Dopo il 1945 la storia del primo campo di concentramento (chiamiamo le cose con il loro nome), sembrava cadere nel dimenticatoio. Fu solo nel 1981 che fu installata una targa commemorativa per le “Vittime del primo terrore nazista”. Le cantine utilizzate come celle di detenzione sono in gran parte conservate nel loro stato originario. Dal marzo 2013 una mostra documenta la storia della prigione nazista di Papestrasse, visitabile gratuitamente.

SA-Gefaengnis-Tafel-1981.jpg
Von A.fiedlerEigenes Werk, CC BY-SA 3.0, Link

 

I prigionieri avevano costantemente paura di violenze. I metodi di tortura includevano fruste di cuoio, finte esecuzioni, stupri, la bruciatura delle piante dei piedi, il confinamento di un’ora in una bara inchiodata o l’iniezione di acido nell’uretra. Gli interrogatori brutali erano una consuetudine nella prigione nazista di Papestrasse. Servivano a costringere i prigionieri a rivelare i nomi di altri oppositori del regime.

La detenzione poteva durare da alcuni giorni a diverse settimane o mesi. Prima di essere rilasciati, i detenuti dovevano firmare una dichiarazione che imponeva loro di rimanere in silenzio riguardo alla loro detenzione.

La prigione nazista di Papestrasse è aperta dal martedì al giovedì, così come la domenica, dalle 12 alle 18. Ci si arriva facilmente con la S-bahn, scendendo a Südkreuz.

Gedenkort SA-Gefängnis Papestraße
http://www.gedenkort-papestrasse.de
Werner-Voß-Damm 54 a
12101 Berlin

Se l’articolo ti è piaciuto metti “mi piace” alla nostra Pagina Facebook e condividilo con i tuoi amici! Trovi Berlino Caput Mundi anche su Instagram.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.