Siemensstadt: come l’industria influenzò Berlino

La storia della Siemens è legata a Berlino, e viceversa. L’azienda ha rivoluzionato il volto della città alla fine del 1800, diventando l’azienda più importante e il principale datore di lavoro dell’allora Prussia. L’azienda nacque in un cortiletto di Schöneberger Strasse, a Kreuzberg, e ben presto diventò importante per le telecomunicazioni dell’impero grazie al telegrafo. Con l’espandersi dell’azienda e con l’aumentare dei guadagni, la Siemens necessitava di più spazio per stabilire le sue industrie e così nel 1897 acquistò un terreno di 21 ettari alle porte di Spandau. Il terreno era economico e la vicinanza alla Spree un ottimo plus per il trasporto delle merci.

Siemens-Ehrenmal Säule.jpg
Von Alexrk2Eigenes Werk, CC BY-SA 3.0, Link


Wernerwerk-Hochhaus, Siemensdamm 02.jpg
Von Alexrk2Eigenes Werk, CC BY-SA 3.0, Link


Nacquero così in poco tempo centri di produzione di motori elettrici, lampadine, tubi, tram, telefoni e molto altro. La Siemens si distingueva all’epoca per le ottime condizioni lavorative: salari alti, assicurazione medica, pensioni di invalidità, mensa aziendale e corsi di formazione gratuiti. Rimaneva però un problema non da poco: le fabbriche della Siemens erano troppo lontane da Berlino. Parliamo sempre di inizio 1900, prima dell’avvento delle due guerre mondiali. Bisogna precisarlo.

Siemens-Forschungslaboratorium 4.jpg
Von Alexrk2Eigenes Werk, CC BY-SA 3.0, Link


Siemensturm 04.jpg
Von Alexrk2Eigenes Werk, CC BY-SA 3.0, Link


Per rendere la via casa-lavoro più corta e semplice, si pensò di costruire un quartiere apposito intorno le fabbriche. Nel 1904 iniziarono i lavori di costruzione, l’anno seguente venne inaugurata una tratta ferroviaria che collegava Lehrter Bahnhof ed Hamburger Bahnhof di Berlino Mitte a Westend. Il primo gennaio 1914 venne ufficialmente inaugurato il quartiere che portava il nome del suo fondatore: Siemensstadt! Essendo i collegamenti ferroviari ancora insufficienti, ecco che nel 1927 iniziarono i lavori della Siemensbahn (ne abbiamo parlato qui), che terminarono nel 1929. In tal modo gli operai che ancora non vivevano nella città costruita appositamente per loro, potevano facilmente raggiungere il luogo di lavoro da qualsiasi punto di Berlino. La Siemensbahn (finanziata completamente con soldi dell’azienda berlinese) partiva da Jungfernheide, dove si allacciava al Ring.

Nonnendammallee 89-93B (09085698) Berlin-Siemensstadt 002.jpg
Von Alexrk2Eigenes Werk, CC BY-SA 3.0, Link


Berlin Rapsstr Plastiken.jpg
Von Doris Antony, Berlin – photo taken by Doris Antony, CC BY-SA 3.0, Link


Siemensstadt esiste ancora oggi e porta ancora il nome che le fu assegnato più di cento anni fa. Oggi è un quartiere del distretto di Spandau e conta poco più di 11mila abitanti. Le fabbriche sono ancora lì, alcune hanno cambiato funzione nel tempo, ma con la loro architettura caratterizzano l’estetica del quartiere. Ma non si viene certo a Siemensstadt solo per ammirare l’architettura industriale! Il quartiere dal 2008 è entrato a far parte della lista UNESCO grazie ad alcuni complessi abitativi costruiti secondo i canoni del Modernismo.

Berlin Harriesstr Genoveva.jpg
Von Doris Antony, Berlin – photo taken by Doris Antony, CC BY-SA 3.0, Link


Johanna-von-Siemens-Heim 004.jpg
Von Alexrk2Eigenes Werk, CC BY-SA 3.0, Link


Per raggiungere Siemensstadt basta prendere la metropolitana U7 e scendere alle fermate Siemensdamm o Rohrdamm. Arrivati qui perdetevi nelle vie del quartiere ed andate alla scoperta dei suoi mille angoli segreti.

Se l’articolo ti è piaciuto metti “mi piace” alla nostra Pagina Facebook e condividilo con i tuoi amici! Trovi Berlino Caput Mundi anche su Instagram.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.