Bagno Vecchio a Ponza

TEMPO DI LETTURA: 3 minuti

Il Bagno Vecchio, conosciuto anche come La Parata, è una spiaggia bianca di ghiaia e sassi da visitare assolutamente sull’isola di Ponza (qui trovate le altre 19 spiagge più belle di Ponza).

Bagno Vecchio

Il Bagno Vecchio, con le sue pietre candide è il posto perfetto per prendere il sole e per fare snorkeling, ma è anche un posto dove sentirsi un po’ Indiana Jones. Al di sopra della parata infatti c’è quello che rimane di una Necropoli Romana da esplorare a piedi.

In epoca borbonica ci lavoravano i galeotti confinati sull’isola e condannati ad estrarre la pietra da costruzione. Il nome della spiaggia viene proprio da questo tempo lontano in cui era un “bagno penale” ed i condannati usavano le “apparate” (reti speciali) per catturare le quaglie.

La spiaggia del Bagno Vecchio è in ombra a partire dalle 15:00 ed al sole dalle 8:00 del mattino.


Come arrivare alla spiaggia di Bagno Vecchio

Il Bagno Vecchio di Ponza si raggiunge via mare dal porto, da cui dista un paio di miglia.

In alternativa si può raggiungere a piedi dalla Località Scotti con un percorso di media difficoltà. decisamente non adatto a chi non ha dimestichezza con un po’ di trekking (RECENTEMENTE, A CAUSA DI FRANE, È PREFERIBILE RAGGIUNGERE LA SPIAGGIA VIA MARE, MENTRE È ANCORA AGIBILE IL SENTIERO FINO ALLA NECROPOLI).

Qui trovate  9 spiagge di Ponza da raggiungere a piedi.

Sentiero per la Necropoli di Bagno Vecchio

La prima parte del sentiero è ben tenuta e vale la pena di essere percorsa anche solo per vedere il panorama sulla spiaggia della parata e sulla costa orientale di Ponza, fino a Zannone. Poco dopo il sentiero diventa poco battuto (meglio percorrerlo con pantaloni lunghi e scarpe da trekking per farsi spazio nell’erba alta).

 

La Necropoli Romana del Bagno Vecchio

Dopo una quindicina di minuti dall’inizio del sentiero si arriva alle necropoli romane del Bagno Vecchio, ovviamente non segnalate. Le tombe sono di tipo ipogeo con le grotte scavate nel tufo. Ci sono 3 grotte ognuna con delle nicchie scavate all’interno.

Su una delle grotte è incisa una croce, unico simbolo che indica la sepoltura cristiana.

GUARDA ANCHE: COSA FARE A PONZA

😍

Un post condiviso da Giovanni Puddu (@puddugiovanni) in data:

 

tu che mi sai cal-Mare, tu che mi sai col-Mare💧

Un post condiviso da Sara Gualco (@saragualco_) in data:

 

Day 71 – #necropoli Oggi visita alle necropoli paleocristiane.

Un post condiviso da Annalisa Vitiello (@isa.vitiello) in data:

Aggiornato il

 
Precedente Cala del Core a Ponza Successivo Cosa fare al Circeo

Lascia un commento