Zannone

Zannone è la più settentrionale delle Isole Pontine e la più piccola, dopo Santo Stefano e Gavi.

L’isola è riserva naturale del Parco Nazionale del Circeo e, escluse due guardie forestali che ci abitano tutto l’anno, è completamente deserta. Ma non è sempre stato così. Non molto tempo fa infatti Zannone è stata un’isola di festini, orge e scandali

ZANNONE

I greci e romani la conoscevano già come Sinonia e gli uomini preistorici la abitarono sin da tempi remoti.

Cinquant’anni fa però era conosciuta con un altro nome: Zannone era l’isola delle orge.

Zannone era il rifugio segreto di una coppia di nobili: il marchese Camillo Casati Stampa e sua moglie Anna Fallarino. I coniugi, approfittando della tranquillità dell’isola, organizzavano festini a cui partecipavano nobili e personaggi dell’alta società italiana, che raggiungevano Zannone con le loro barche private.

Il Marchese Casati Stampa era un grande voyeur a cui piaceva fotografare la moglie mentre faceva sesso con uomini più giovani. Stando ai pettegolezzi nella villa a Zannone c’era anche uan stanza con uno specchio da cui spiare le sedute di sesso estremo.

I festini sull’isola di Zannone finirono tragicamente il 30 agosto del 1970 quando a Roma il marchese uccise sua moglie ed il suo amante e poi si tolse la vita.

Oggi la villa del Marchese versa in stato di abbandono e bel poco rimane dell’opulenza dai toni erotici di un tempo.

COSA VEDERE A ZANNONE

Cosa vedere a Zannone, oltre ai resti della villa del Marchese lussorioso? A Zannone ci sono i resti di un monastero cistercense, anch’essoabbondonato. Il trekking che porta alle rovine è una passeggiata bellissima.

Al Varo, l’unico posto di Zannone dove è possibile sbarcare, c’è un’antica Peschiera Romana, ricavata nella roccia e raggiungibile attraverso una scalinata interna. Dall’attracco parte il sentiero che passa per il bosco e, quando la vegetazione si dirada, arriva ad un fantastico belvedere con vista su Ponza e Palmarola.

Sull’isola vive, da circa un secolo, una piccola colonia di mufloni ed è possibile incontrarli tra le rocce, basta non fare troppo rumore per non farli scappare.

ZANNONE FLORA

Zannone è la più lussureggiante delle Isole Pontine. La parte tutt’oggi più verde è il versante settentrionale, mentre altrove i tagli selvaggi e gli incendi hanno impoverito la vegetazione.

La macchia mediterranea è fatta di profumosi lentischi, mirti e ginestre, lecci, corbezzoli ed olivastri.

TREKKING A ZANNONE

L’unico sentiero di trekking percorribile a Zannone parte dal Varo. Dopo aver raggiunto il belvedere, inizia la discesa verso il faro che attraversa una parte brulla dell’isola. Il faro si raggiunge solo dopo aver visitato il monastero cistercense (prima benedettino) di Zannone.

Sui resti del monastero, abbandonato nel 1300, il marchese Camillo Casati Stampa di Soncino edificò una villa: Villa Casati, ormai in stato di abbandono.

Sulla cima del Monte Pellegrino si trova la Casa di Caccia: una bianca villa a due piani che è anche l’unico edificio rimasto in piedi sull’isola.

 

 

#Lighthouse#Zannone.

Un post condiviso da Giovanni Garrone (@giovannigarrone) in data:

 

 

🐟Schiacciati sul fondo sentendosi leggeri🐡 #nofilter #scuba #italy #ponza #zannone #sea #30metersdeep #parazoanthus #nudibranchi

Un post condiviso da Andrea Musella (@andrea_musella) in data:

ISOLA DI ZANNONE: SPIAGGE

Dal Varo, l’unico punto di attracco dell’isola (solo quando il mare è calmo) si prosegue in barca sul versante sud-ovest fino alle Grottelle. Lo Scoglio Monaco è un tufo smangiucchiato dal mare in cui qualcuno intravede la fisionomia di un frate.

Proseguendo verso Punta Levante affiorano le preziosità geologiche di Zannone: rocce dalle forme fantasiose e mare particolarmente azzurro.

Cala Marina si trova vicino alla piccola cala di Ceca dove i pescatori, in passato, facevano raggruppare i banchi di pesce per una specie di mattanza.

La spiaggetta della Calcara, sovrastata dalla falesia dolomitica e calcarea, e la Grotta del Mariuolo con gli omonimi Scogli, sono altri punti imperdibili per andare al mare sull’isola di Zannone.

COME VISITARE ZANNONE

Disabitata dal 1979, da quando è diventata parte del Parco Nazionale del Circeo, l’Isola di Zannone è visitabile prenotando presso la Direzione del Parco Nazionale del Circeo a Sabaudia (Tel. 077/3511385).

GUARDA ANCHE: COME RAGGIUNGERE PONZA

 COME ARRIVARE A ZANNONE

Le barche della Cooperativa Barcaioli Ponzesi fanno diverse escursioni alle isole di Palmarola e Zannone partendo dal porto di Ponza. Qui trovate tutte le barche e le linee delle escursioni: Ponza – Zannone.

Clicca QUI per seguire Cose che ti faranno amare il Circeo su Facebook

Precedente Come e dove raccogliere funghi nel Parco Nazionale del Circeo Successivo Priverno

Lascia un commento

*