Come visitare le Isole Pontine

Le Isole Pontine (o Ponziane) sono 6 meravigliose isole a largo delle Coste del Golfo di Gaeta.

L’Isola di Gavi e l’Isola di Zannone fanno parte del Parco Nazionale del Circeo.

Isole Pontine

Ogni isola dell’arcipelago Ponziano è diversa: Ventotene è brulla con spiagge scure di origine vulcanica; Ponza ha coste magnifiche ed acqua turchese e un paesino colorato sul porto; Zannone e Palmarola sono completamente selvagge e rigogliose.

I traghetti e gli aliscafi per le Isole Pontine partono da Formia, Anzio, Terracina, San Felice Circeo  (solo da Ponza per Palmarola), Napoli (per Ventotene e Ponza), Pozzuoli ed Ischia.

Qui trovate tutte le info sui traghetti per Ponza.

Ponza

Ponza è una delle principale isole dell’arcipelago Pontino. La costa è bellissima e frastagliata e il modo migliore per visitarla è affittare un gozzo al porto per circumnavigare l’isola, fermandosi in calette, vicino alle scogliere e alle grotte più belle. Il modo più veloce per raggiungerla è con la motonave dal Porto turistico di San Felice Circeo.

Qui trovate tutte le info per arrivare a Ponza da San Felice Circeo e qui le Spiagge più belle di Ponza.

GUARDA ANCHE: SPIAGGE DI PONZA A PIEDI

isole pontine

Palmarola

Palmarola è quasi completamente disabitata. I ponzesi hanno da sempre case scavate nella roccia e rimesse per la pesca lungo la costa. C’è un solo ristorante sull’isola che è anche un affittacamera, si chiama O francese.

L’isola si raggiunge esclusivamente con imbarcazione privata, oppure da Ponza con le barche della Cooperativa Barcaioli Ponzesi.

isole pontine immagini

Ventotene

Si raggiunge da Terracina, Formia e Napoli. L’isola è meno turistica di Ponza e ha un carattere più popolare. Le spiagge sono scure di origine vulcanica. Qui trovate 6 motivi per andare e qualche dritta su cosa fare a Ventotene.

GUARDA ANCHE: COME ARRIVARE A VENTOTENE

Ventotene è un comune della provincia di Latina. Anticamente denominata dai greci Pandoteira o Pandaria, l’isola divenne in seguito una colonia romana dove venivano confinati per vari motivi membri della famiglia imperiale. Famosa esiliata fu la figlia unica di Augusto, Giulia nel grande sontuoso complesso, detto per l’appunto “Villa Giulia” nella zona dell’isola denominata “Punta Eolo”. Di questa villa rimangono pochi ruderi che sono visitabili. Una delle colonne si trova oggi sulla piazza del Comune come monumento ai caduti, altre sono esposte al Museo Storico Archeologico dell’isola. A Ventotene, nell’arco dei decenni furono anche confinate: Agrippina Maggiore, Giulia Livilla, Claudia Ottavia e Flavia Domitilla, tutte per motivazioni diverse. In seguito nel 1795, per ordine di Ferdinando IV di Borbone e su progetto dell’architetto Francesco Carpi, fu costruito il carcere sul vicino isolotto di Santo Stefano. La colonia penale continuò ad operare anche in seguito alla costituzione del Regno d’Italia fino alla soppressione avvenuta poi nel 1965. #real #regno #regnodelleduesicilie #borbone #sea #sun #island #technology #first #ventotene #day #freedom #liberty #napoli #strong #life #king #mediterranean #europe #flag #record #history #ship #tyrrheniansea #latin

Una foto pubblicata da Re Nasone (@re_nasone) in data:

Zannone

Zannone e Gavi sono completamente disabitate e selvagge. Da Ponza si raggiunge Zannone grazie alla Cooperativa dei Barcaioli di Ponza.

Non è possibile campeggiare sull’isola e pernottare.

 

GUARDA ANCHE: 10 FOTO DI PONZA

Mappa delle Isole Pontine

Qui sotto trovate la cartina delle isole Pontine con la distanza dalle coste di San Felice Circeo e di Terracina. Come si vede dalla mappa Ventotene è a metà strada tra Ponza ed Ischia e fa in effetti parte geograficamente delle isole campane, anche se la geografia politica la vuole inserita nell’arcipelago Pontino ed in Provincia di Latina. Zannone è la più vicina alla costa, a soli 40 km circa dal Circeo. Qui trovate mappa e cartina dell’isola di Ponza.

 

Clicca QUI per seguire Cose che ti faranno amare il Circeo su Facebook

 

Precedente Sermoneta Successivo 10 foto per innamorarsi di Ponza

Lascia un commento

*