Trekking nel Parco Nazionale del Circeo: sentieri e mappa

TEMPO DI LETTURA: 14 minuti

Nel Parco Nazionale del Circeo a San Felice Circeo, Sabaudia, Latina e Zannone, ci sono sentieri di trekking di tutte le difficoltà. Ci sono i sentieri semplici della parte pianeggiante del parco (a Sabaudia), quelli poco impegnativi e brevi del Promontorio del Circeo e quelli più lunghi, che disegnano circuiti ed anelli più impegnativi.

Di seguito trovate le informazioni per fare Trekking al Circeo con la mappa dei sentieri e gli itinerari più belli.

Trekking nel PNC

Il promontorio del Circeo ha visto recenetemente la riorganizzazione dei sentieri che sono stati segnati con i segnavia del CAI e numerati secondo la numerazione ufficiale CAI. La Selva di Circe presenta ancora i vecchi segnavia rossi e gialli del Parco Nazionale del Circeo, ma è stata migliorata la segnaletica verticale che informa sulle varie destinazioni raggiungibili.

Presso l’Info Tourist di San Felice Circeo, nel centro storico del borgo, è possibile prendere la carta dei sentieri del PNC. Non si tratta di una vera e propria carta escursionistica, am piuttosto di uno schema per scegliere i sentieri più adatti alla vostra escursione con le emergenze storiche e naturalistiche da visitare.

Mappa dei sentieri

Qui sotto trovate la mappa che segnala i sentieri del Parco Nazionale del Circeo nella zona del Promontorio di Monte Circeo.

Sentieri del Circeo

I sentieri più belli e panoramici del Parco Nazionale del Circeo sono quelli del Promontorio. I due versanti (quello di Quarto Caldo e di Quarto Freddo), l’uno esposto al mare e l’altro a nord, sono molto diversi tra loro. Alcuni sentieri li percorrono entrambi in un passaggio repentino da un ambiente all’altro.

Qui sotto trovate i sentieri più belli del Promontorio del Circeo.

SENTIERO DEL VECCIARO o BRECCIARO (sentiero 755)

Il sentiero del Vecciaro (sul versante di Quarto Freddo) parte dal Peretto e porta fino alla cava di Mezzomonte. E’ un sentiero perfetto per i giorni estivi. Il bosco è fitto e fresco. Si percorrono gli scalini ricoperti di muschio e ormai dissestati che seguono l’acquedotto.

Durata: 1 ora in discesa, poco di più a salire

Difficoltà: facile

Terreno: scalinata e sconnesso

DA TORRE PAOLA AL PERETTO (sentiero 751 + 755)

Dalla Torre di Paola parte un sentiero in leggera pendenza che costeggia l’uliveto e passando per la Grotta della Sibilla arriva fino all’area picnic del Peretto (Quarto Freddo).

Sul lato boscoso del sentiero, di fronte all’uliveto, ci sono resti di ville romane non segnalati. La prima, all’altezza dell’uliveto, è la Villa delle 10 camere. Più su c’è la Grotta della Sibilla che anche se non segnalata è impossibile non vedere. Il sentiero attraversa una strada asfaltata chiusa al traffico e prosegue poi in salita. Qui trovate tutte le info per percorrere il sentiero 751 da San Felice Circeo a Torre Paola.

Durata: 2 ore

Difficoltà: facile

Terreno: sterrato e sconnesso

VIA DELL’ACQUEDOTTO (San Felice Circeo – Quarto Freddo)

Non si tratta di un vero e proprio sentiero di hiking segnato nella mappa del Parco Nazionale del Circeo, ma di una strada chiusa al traffico costruita per la manutenzione dell’acquedotto di San Felice Circeo. La strada parte dalla fine di via del Tordo e sale a stretti tornanti fino ad un belvedere dove c’è una struttura dell’acquedotto. In primavera ed in estate è una strada fresca ricoperta di muschio dove respirare aria fresca nel folto del bosco. Incontra il sentiero 751 che prosegue da un lato fino a Torre Paola e dall’altro fino al centro storico di San Felice Circeo.

Durata: 1 ora

Difficoltà: facile

Terreno: asfaltato

TORRE MORESCA (San Felice Circeo – Quarto Caldo)

Il sentiero che porta a Torre Moresca si trova sul Quarto Caldo del Promontorio del Circeo. Parte da via Vasca Moresca di fronte al B&B Isola Eea. Il sentiero purtroppo non è ben segnato e non fa parte dei sentieri recentemente riqualificati dall’Ente Parco del Circeo. Raggiunge i resti di una torre di guardia di cui rimane pochissimo. Il trekking si snoda tutto nella macchia mediterranea tra mirti, rosmarino, ginestre e palme nane ed è sempre aperto al mare con vista sulle Isole Pontine. Si consiglia di avventurarsi solo se si possiedono i tracciati gps. Gli arrampicatori lo percorrono proseguendo oltre la Torre Moresca fino ad arrivare alle pareti ripide del Precipizio del Circeo. In questo tratto è ancora più difficile orientarsi a causa della mancanza di segnaletica.

Durata: 2 ore

Difficoltà: media (soprattutto per il caldo)

Terreno: roccioso

SENTIERO MATTEO 2 (San Felice Circeo – Quarto Caldo)

Il sentiero Matteo 2 è un sentiero segnato che porta dalla cresta del Monte Circeo alla zona delle Batterie.

Si parcheggia al Belvedere delle Crocette e si prosegue a piedi verso l’Osservatorio dell’Aeronautica Militare del monte Circello. Si seguono le indicazioni per il sentiero 750 per il Picco di Circe fino ad una deviazione sulla sinistra da dove parte il sentiero Matteo 2. L’itinerario ha corde che rendono agevole la passeggiata anche ai meno allenati ed è una discesa divertente dal Quarto Freddo a quello Caldo del promontorio.

Durata: 2 ore

Difficoltà: medio/facile

Terreno: molto sconnesso e sterrato

VIA DEL SOLE (San Felice Circeo – Quarto Caldo)

Via del Sole è una strada bianca panoramica che corre parallela a via del Faro per poi sbucare su via delle Batterie. La strada è stata costruita per raggiungere ville tuttora abitate quindi non è un sentiero di trekking, ma è una bella passeggiata panoramica, facile da fare anche senza l’attrezzatura da trekking. Terminata la via del Sole si può proseguire su via del faro fino ad imboccare via della grotta delle Capre per una deviazione lungo il sentiero delle grotte che porta alla Grotta delle Capre e del Fossellone (sentiero 757). La deviazione si percorre in circa 40 minuti di cammino.

Durata: 1 ora

Difficoltà: facile

Terreno: strada bianca e pendenza minima

SENTIERO DELLE MURA CICLOPICHE (sentiero 754)

Dall’Acropoli del Monte Circeo parte un sentiero che costeggia le Mura Ciclopiche e prosegue in discesa fino a via del Sole con panorami bellissimi sul golfo di Gaeta e su Torre Fico.

Il sentiero è stato segnato di recente, ma bisogna prestare comunque molta attenzione a non perdere i segnali. Sentiero esposto adatto agli escursionisti esperti.

Durata: 1 ora e mezza

Difficoltà: media

Terreno: pietraia

SENTIERO DEL FORTINO (sentiero 757 e 757C)

Alla fine di via delle Batterie (davanti all’Hotel Punta Rossa) la strada diventa privata. Bisogna parcheggiare qui e proseguire a piedi fino al primo sentiero cementato sulla sinistra. Andando dritti si arriva alla cala delle Batterie, proseguendo verso destra si raggiungono il Dente e le piscine naturali, e più avanti il Fortino.

Durata: 20 minuti

Difficoltà: facile

Terreno: sterrato e cementato

Il Fortino Napoleonico
Il Fortino Napoleonico

SENTIERO DELLE GROTTE MARINE (sentiero 757 A, B e C)

Si parte dal centro storico di San Felice Circeo e si percorre via del Faro. Si scende sul 757 A e 757 B alla scoperta della Grotta delle Capre, dell’Impiso e del Fossellone. Proseguendo lungo il 757 (strada carrabile panoramica) si arriva al fortino della Batteria. La brevissima deviazione del 757 C porta ad una piccola caletta dove fare il bagno al mare prima di riprendere la passeggiata verso il paese. A ritorno si può percorrere via del Sole: una piacevole sterrata con vista mare.

Grotta delle Capre
Grotta delle Capre

SENTIERO DI GUARDIA ORLANDO (sentiero 756)

Il Sentiero di Guardia Orlando porta ad un punto di guardia utilizzato durante la Seconda Guerra Mondiale. Del vecchio forte non rimane nulla se non i resti di una sorta di trincea. Il panorama dalla postazione è spettacolare: spazia sulla pianura e la selva pontina, sul Golfo di Napoli e sul mare fino ad Anzio ed oltre.

Parte pochi metri più sotto dell’area picnic del Peretto ed è segnalato. Dopo poche centinaia di metri incontrerete la deviazione per il Vecciaro.

Durata: 20 minuti

Difficoltà: facile

Terreno: roccioso

PIETRAIA (pista sterrata non carrabile)

La pietraia altro non è che il fondo di una strada che non è mai stata asfaltata. La chiamiamo così perché è fatto di piccoli ciottoli come fosse il fondo di un torrente.

Quello della pietraia è uno dei sentieri più belli a livello panoramico. Si vedono il mare e le isole e ad un certo punto all’ennesimo tornante si scopre la cresta del Monte Circeo con il picco in bella mostra. Qualche anno fa questa zona della montagna ha subito un incendio e i piccoli fusti carbonizzati sono ancora in piedi, neri contro la superficie celeste del mare e del cielo. I cespugli e la macchia mediterranea intanto fioriscono sul terreno.

Parcheggiando al Belvedere dell’Acropoli si prosegue a piedi oltre l’Osservatorio. Si arriva ad un cancello aperto solo ai pedoni ed ai ciclisti da cui parte la Pietraia che arriva fino a via del Sole. In alternativa potete prenotare uno di questi tour per aggiungere alla passeggiata a piedi un passaggio in auto (per non risalire il sentiero) ed una degustazione di prodotti locali e vino di Cori con vista sulle isole Pontine.

Durata: 2 ore

Difficoltà: facile

Terreno: molto sconnesso

TREKKING AL PICCO DI CIRCE 

Ci sono due sentieri che portano al Picco di Circe. Uno parte da Torre Paola e percorrendo la cresta della montagna arriva al Picco dal lato più breve (sentiero 750).

Un secondo sentiero, il più facile e panoramico, parte poco prima dell’Osservatorio di Monte Circello e dopo un breve tratto di bosco percorre tutta la cresta fino al picco (è il sentiero 750 che dopo aver raggiunto il Picco di Circe scende a Torre Paola).

Una quarta opzione per i più allenati è quella di fare tutta la cresta da via del Sole fino all’Acropoli, poi la cresta fino al picco e fino a Torre Paola, per percorrere l’intero crinale della montagna.

Durata: dalle 2 alle 3 ore

Difficoltà: media

Terreno: roccioso/terreno sdrucciolevole

Anelli di trekking

I percorsi che abbiamo visto qui sopra possono essere combinati in modo da creare dei circuiti che partono e ritornano al punto di partenza. Qui sotto ne ho riportati alcuni.

  • Picco di Circe ad anello

Si parte dal piazzale delle Crocette (in via dell’Acropoli a San Felice Circeo) e si raggiunge il picco di Circe percorrendo la cresta del Monte Circeo (sentiero numero 750).

Dopo la discesa a Torre Paola sulla cresta del Picco d’Istria, si prosegue su un sentiero quasi pianeggiante per poi risalire all’Acropoli del Circeo lungo via dell’Acropoli.

  • Anello di San Felice

L’anello di San Felice è un percorso semplice e veloce (circa 2 ore di cammino) ma divertente e panoramico. Si attraversa il bosco fitto, si cammina nella macchia mediterranea a picco sul mare e si torna al borgo medioevale di San Felice Circeo per una birra fresca e rinfrancante.

Parcheggiate al centro storico di San Felice Circeo e su via dell’Acropoli, prima del cimitero, imboccate il sentiero di Ceraselle I (750). Dopo un breve tratto di strada carrabile si rientra nel bosco a Ceraselle II (750). Si arriva sulla cresta del Monte Circeo. Se si prosegue a destra si va verso il picco ed a sinistra verso le mura ciclopiche (754). Proseguiamo camminando lungo le mura poligonali e poi giù fino a via del Faro che porta dritto in paese.

Passeggiate facili nel Parco Nazionale del Circeo

Qui sotto trovate alcune delle passeggiate più belle da fare nella selva di pianura del Parco Nazionale del Circeo. Sono percorsi adatti a tutti e che possono essere percorsi a piedi o in bicicletta (meglio se in MTB, ma è adatta anche una bici da strada purché non monti ruote da corsa).

PASSEGGIATA AL LAGO DI PAOLA (Sabaudia)

Dal gate del Parco Nazionale del Circeo in via Carlo Alberto Blanc (a Sabaudia) partono i sentieri nel bosco pianeggiante del Parco.

Uno di questi sentieri è un percorso ciclabile che porta fino ad una piccola spiaggetta sul Lago di Paola. Il sentiero è sterrato, battuto ed adatto anche ai bambini (e ai bambini in bici).

Durata: 1 ora

Difficoltà: facile

Terreno: battuto (non ideale subito dopo grandi piogge)

LESTRA CUCUZZA E CERASELLA (Sabaudia)

Il percorso di Lestra Cucuzza taglia il bosco nel quadrante compreso tra la Migliara 53 e la 49, passando per Lestra Cucuzza, una scuola e infermeria nel bosco (oggi Museo della Bonifica) che si occupava di curare dalla malaria ed alfabetizzare i pastori che vivevano nelle lestre.

Il sentiero di Ceraselle parte dalla stessa zona e arriva fino alla riserva di Cerasella dove si possono vedere cinghiali e daini nelle recinzioni. Alla prima deviazione a sinistra (dopo lestra Cucuzza) si taglia il bosco fino ad intercettare il sentiero per Cerasella (è segnato). In questa zona del bosco ci sono tanti sentieri perfetti da scoprire in bici (qui trovate la guida al Circeo in MTB).

In aggiunta potrete visitare anche le Piscine della Verdesca (poco distanti all’aera picnic di Cerasella). Le piscine hanno però un andamento stagionale e in alcuni periodi dell’anno possono essere asciutte.

Durata: 1 o 2 ore

Difficoltà: facile

Terreno: battuto (non ideale subito dopo grandi piogge)

LAGO DI CAPROLACE (Sabaudia)

Non c’è un vero e proprio percorso di trekking intorno al lago di Caprolace, ma c’è una bellissima strada sterrata che parte da Rio Martino e passa per boschi di eucaliptus costeggiando il Lago dei Monaci, fino ad incontrare via Diversivo Nocchia (una strada asfaltata a bassa percorrenza che di giorno si percorre piacevolmente). Al lago di Caprolace si può camminare fino alle sponde per poi proseguire fino alla chiesetta di Sant’Andrea.

Durata: 2 ore

Difficoltà: facile

Terreno: sterrato + asfalto

LA BUFALARA (Sabaudia)

La Bufalara è un pezzo di strada interrotta del Lungomare Pontino che le dune e la macchia mediterranea si hanno riconquistato con il tempo. Si può camminare dove una volta c’era la strada, con il mare da un lato e i terreni con le bufale e gli acquitrini dall’altro. Qui trovate tutte le info sulla spiaggia e il sentiero della Bufalara.

Durata: 1 ora

Difficolà: facile

Terreno: sterrato + sabbia

PASSEGGIATA AL LAGO DI FOGLIANO (Latina)

Dal Borgo di Fogliano parte un sentiero che costeggia il lago ed il bosco. E’ molto frequentato da famiglie e bambini, una passeggiata facile e poco impegnativa. Qui trovate tutte le informazioni per visitare Fogliano.

Mappa sentieri del Circeo

Qui trovate la mappa completa dei percorsi di trekking del Parco Nazionale del Circeo, del Promontorio del Circeo e della Selva di Terracina e qui trovate tutti gli itinerari più belli.

Parco Nazionale del Circeo: orari e informazioni utili

Via Carlo Alberto, 188 04016 Sabaudia (LT)
Tel. 0773/511385 (OTI Erasmo Menta)

Presso il Centro Visitatori di Sabaudia c’è una piccola Biblioteca aperta al pubblico su prenotazione telefonando al centralino del Corpo Forestale dello Stato – UTB di Fogliano allo 0773/511385.

Il museo del Centro visitatori del parco è sempre ad ingresso gratuito.

Lista dei sentieri di Trekking del Parco Nazionale del Circeo

NomeZonaDifficoltà
VECCIAROPromontorio del CirceoFacile (T)
ULIVETOPromontorio del CirceoFacile (T)
PIETRAIAPromontorio del CirceoMedio/facile (E)
CRESTA PER IL PICCOPromontorio del CirceoDifficile (EE)
DIRETTA PER IL PICCOPromontorio del CirceoDifficile (EE)
ACRPOLI DEL CIRCEO Promontorio del CirceoMedio/Difficile (EE)
MATTEO 2 (non è un sentiero ufficiale del Parco)Promontorio del CirceoFacile (T)
LESTRA CUCUZZA – CERASELLASelva del Parco Nazionale del CirceoFacile (T)
CAPO D’OMO – CERASELLASelva del Parco Nazionale del CirceoFacile (T)
SENTIERO DEI CICLAMINIPromontorio del CirceoMolto facile (T)
VIA DEL SOLE (Carrareccia)Promontorio del CirceoMolto facile (T)
VIA DELL’ACQUEDOTTO (strada asfaltata non carrabile)Promontorio del CirceoFacile (T)
SENTIERO DEL FORTINOPromontorio del CirceoFacile (T)
SENTIERO DI GUARDIA ORLANDOPromotorio del CirceoFacile (T)

Come fare trekking al Circeo

Sebbene i sentieri non siano molto difficili, per alcuni di questi, soprattutto per i sentieri per il Picco di Circe sono necessarie delle buone scarpe da trekking con suola vibram e dei buoni tacchetti anti-scivolo. Non è necessario che le scarpe proteggano anche la caviglia perché il terreno non è particolarmente accidentato e roccioso. Per intenderci scarpe come queste qui sono l’ideale (e sono anche belle ed economiche).

È necessario portare con sé acqua in abbondanza, e specie se si fa trekking nei periodi più caldi è consigliata una borraccia termica da almeno 1 litro.

Sul sentiero della diretta dal Picco di Circe, soprattutto in discesa, saranno un grande aiuto anche i bastoncini da trekking, aiuto provvidenziale lungo la discesa ripida e di sostegno alle articolazioni delle ginocchia.

Segui Cose che ti faranno amare il Circeo e la Provincia di Latina su Facebook

Aggiornato il

Pubblicato da Sara

Dal 2015 scrivo del Circeo e dei posti più belli della Provincia di Latina. Adoro la bicicletta, il trekking e le passeggiate in natura. Se volete innamorarvi del Circeo e dell'intera zona dell'Agro Pontino vi accompagno alla scoperta di posti segreti, di storie curiose e miti antichi, eccellenze gustose e panorami iconici! Dal 2021 sono Guida Ambientale Escursionistica, ai sensi della Legge 4/2013, iscritta al registro AIGAE (Associazione Italiana Guide Ambientali Escursionistiche).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vuoi prenotare un'escursione?
× Vuoi prenotare un'escursione?