Grotta delle Capre al Circeo

TEMPO DI LETTURA: 4 minuti

GROTTA DELLE CAPRE

La Grotta delle Capre è tra le grotte più grandi e più visitate del Promontorio del Circeo: un’enorme volta alta 15 metri crea un rifugio fresco affacciato sul mare. Nell’antichità si chiamava Grotta della Maga perché secondo la leggenda era qui che la Maga Circe creava i suoi potenti incantesimi.

Nel corso dei secoli divenne un rifugio sicuro per le capre dalle intemperie, o almeno così si crede.

Oggi c’è un sentiero breve e facilmente accessibile che dal piazzale di via della Grotta delle Capre porta alla cavità, che è anche un punto perfetto per andare al mare in estate.

GUARDA ANCHE: PARCO NAZIONALE DEL CIRCEO

AL MARE ALLA GROTTA DELLE CAPRE

Davanti all’apertura della grotta, rialzata rispetto al livello del mare, ci sono scogli e sassi. Alcuni sono lisci e comodi per prendere il sole.

Con la bassa marea si forma anche una minuscola spiaggetta perfetta per rilassarsi. Quando il mare è leggermente mosso, invece, c’è una piccola piscina delimitata dagli scogli che si trasforma in una jacuzzi naturale dove stendersi e rinfrescarsi al riparo dalle onde.

GUARDA ANCHE: DOVE ANDARE AL MARE AL CIRCEO

L’ingresso al mare è molto facile perché davanti alla grotta gli scogli formano una specie di piattaforma ricoperta di alghe dove è possibile sedersi, camminare agevolmente e tuffarsi.

Il posto è perfetto per lo snorkeling anche se il fondale non è il mio preferito (qui trovate una guida ai posti migliori per fare snorkeling al Circeo).

A sinistra della grotta c’è una piccola apertura. E’ la Grotta Azzurra: entrando e nuotando nell’anfratto noterete che l’acqua diventa sempre più turchese e che anche il vostro corpo rifletterà luce azzurra.

Continuando sempre verso sinistra, in direzione del porto turistico di San Felice Circeo, incontrerete la Grotta del Presepe che è rialzata rispetto al livello del mare e di facile accesso. E’ un posto perfetto per rilassarsi al fresco guardando il mare (qui trovate una guida alle Grotte più belle del Circeo).

Nuotando verso destra invece si incontrano la Grotta dell’Impiso e la Grotta del Fossellone.

GUARDA ANCHE: COSA VEDERE AL CIRCEO

STORIA DELLA GROTTA DELLE CAPRE

Gli scavi sul fondo della grotta hanno permesso di scoprire resti di animali tropicali come gli ippopotami e poi, salendo verso l’alto, di animali adatti ad un clima ben più rigido che testimoniano l’arrivo della Glaciazione.

#Circeo#grotte#

Un post condiviso da @asherlev42 in data:

La grotta veniva usata in epoca pre-cristiana (forse addirittura punica o fenicia) per la sepoltura. Sono stati trovati due scheletri umani e solo di recente il corpo di un bambino inumato in un vaso di terracotta. Qui trovate altre informazioni sulla storia e la geologia della Grotta delle Capre.

COME ARRIVARE ALLA GROTTA DELLE CAPRE

Per raggiungere la Grotta delle Capre bisogna salire al centro storico di San Felice Circeo e da qui proseguire su via del Faro.

La prima traversa che incontrerete sulla sinistra è via della Grotta delle Capre. Percorretela fino ad un ampio parcheggio sterrato. Da qui parte il sentiero per le grotte.

Alla prima biforcazione il sentiero che va a sinistra porta alla Grotta delle Capre; andando a destra si raggiungono invece il Fossellone e l’Impiso.

Le grotte sono segnalate da cartelli ed è veramente facile raggiungerle, fatta eccezione della scalinata a ritorno che, con il caldo, sembra molto più lunga di quello che è nella realtà.

7. Grazie grotta.. Grazie perché entrando nelle tue cavità il tempo ferma la manifestazione illusoria di sé, o forse addirittura inverte il suo corso.. Grazie perché rappresenti l’utero della Madre Terra.. Grazie perché mi ricordi il “mito della caverna” di Platone e mi rammenti quanto tutto ciò che è al di fuori di noi in realtà sia Maya, il mondo delle illusioni.. Grazie perché ci indichi il ritorno alle origini, a quelle ere in cui l’uomo ha lasciato traccia e memoria di sé attraverso ornamenti rupestri, momenti di magica iniziazione dell’umanità.. Grazie perché ciò che di te viene definito “antro” rievoca l’atrio del Cuore, centro spirituale di nascita del macrocosmo e del microcosmo.. Grazie perché il tuo ventre di Dea sorregge e sostiene la maestosità del Dio della montagna.. Grazie perché, quando ti incontro, immergendomi in te, mi immergo in me e più scendo nella profondità del buio, più trovo la profondità della Luce, ricreando l’Unione del Tutto.. ❤❤❤❤❤❤❤ #IoSonoMunay #NoiSiamoMunay #IlCuoreMunay #UnSognoPerDomani #IlPotereDellaDea #LaPaceIniziaConMe #NoiSiamoLOnda #AnnoZero #LoveForLife #RicomincioDaMe

Un post condiviso da Viviana Passarotti (@vi_lady_coach) in data:

Clicca QUI per seguire Cose che ti faranno amare il Circeo su Facebook

Aggiornato il

 
Precedente Mappa e cartina di Ventotene Successivo Cala Nave a Ventotene

Lascia un commento