La Darsena di Paola a Sabaudia

DARSENA DI PAOLA

C’è un posto nel Parco Nazionale del Circeo dove vivono cavalli liberi ed i canali e le canalette della Darsena sul lago sembrano un ricordo antico della bonifica.

La Darsena di Paola si trova a Sabaudia. E’ una darsena di origine romana costruita per collegare il lago di Paola al mare e rendere le ville e gli stabilimenti termali sulle sue sponde accessibili alle imbarcazioni, comprese quelle imperiali.

La darsena è ancora intatta ed è stata usata nei secoli dai pescatori (e dai turisti poi) che la percorrono in canoa per uscire dal lago verso il mare.

Oltre al canale principale con l’opus romano (purtroppo pericolante) ci sono una serie di canali sormontati da ponti e ponticelli che creano un sistema di vasche e drenaggio dell’acqua a ridosso del lago.

 

#sabaudia #darsenadipaola #lagodipaola #igerslatina #volgolazio

Una foto pubblicata da Sara argentesi (@saraargentesi) in data:

#torrepaola #circeo #parconazionaledelcirceo #latina #volgoitalia #volgolazio #igerslatina

Una foto pubblicata da Sara argentesi (@saraargentesi) in data:

In estate il canale principale può essere incredibilmente limpido (quando la corrente lascia entrare l’acqua dal mare) e torbido, invece, quando è l’acqua del lago ad uscire.

Il sistema di canali e canalette fa parte della Proprietà Scalfati, una struttura in cui si dorme negli antichi casali sul lago recentemente ristrutturati.

#sabaudia #darsenadipaola #lagodipaola #igerslatina #volgolazio

Una foto pubblicata da Sara argentesi (@saraargentesi) in data:

 

#bonifica #darsenadipaola #lagodipaola #parconazionaledelcirceo #igerslatina #igers

Una foto pubblicata da Sara argentesi (@saraargentesi) in data:

 

#lagodipaola #darsena #ponterosso #sanfelicecirceo #sabaudia #darsenadipaola

Una foto pubblicata da Sara argentesi (@saraargentesi) in data:


Sui terreni intorno ai canali ci sono i cavalli e qualche tempo fa anche i cervi.

COME RAGGIUNGERE LA DARSENA

La Darsena sul lago di Paola si trova, provenendo da San Felice Circeo, poco prima di arrivare a Torre Paola percorrendo via dei Casali di Paola. Prima di una curva che svolta a sinistra c’è un grande cartello all’ingresso di una strada bianca che indica il Ristorante Ponte Rosso e il centro di Ittiturismo del lago.
GUARDA ANCHE: VILLA DI DOMIZIANO

COSA VEDERE ALLA DARSENA

  • Se all’entrata girate a destra arriverete al molo dove si affittano le canoe per esplorare il lago. Qui si possono anche parcheggiare canoe proprie per uscire con poche pagaiate al mare e raggiungere posti meravigliosi come questo: la Spiaggia del Prigioniero. L’associazione Waterlife organizza anche uscite guidate alla scoperta della costa del promontorio del Circeo in canoa e del lago di Paola.

Qui ci sono anche l’allevamento di mitili (che vende cozze e vongole al dettaglio) ed un ristorante molto bello con una terrazza a palafitta sul lago: si chiama l’Azienda.

  • Se invece girate a sinistra incontrerete il ponte rosso con le finestre sulla chiesa di San Paolo (oggi sconsacrata) e su Torre Paola, il canale romano e la spiaggia di Torre Paola. Proseguendo si arriva al ristorante Ponte Rosso (anche questo molto bello, con uno spazio esclusivamente esterno proprio sul lago). Qui trovate i migliori ristoranti dove mangiare a San Felice Circeo.

Qui è possibile parcheggiare e seguendo un breve e bellissimo sentiero arrivare al mare. Qui trovate tutte le info con i trucchi per Parcheggiare al mare a Sabaudia.

Affacciandosi sul lago sul lato destro si può vedere la Penisola dei Casarini con i resti del convento sul lago costruito sulle rovine delle terme romane.

Di fronte al ristorante Ponte Rosso invece c’è una sezione più fitta di alberi. E’ lì che si trova la Villa di Domiziano. Esplorando la costa in canoa scorgerete tra gli alberi una enorme esedra, i pontili dell’antico porto e altri resti.

QUANDO VISITARE LA DARSENA DELLAGO DI PAOLA

In estate la Darsena è un angolo di pace. Varcandone la soglia si entra in un altro mondo che è a due passi dai bagliori accecanti del mare ma ha colori tenui, suoni ovattati ed è il regno degli aironi e delle acque placide.

La sera tornando dal mare ci si può fermare a bere una birra da Ponte Rosso o a fare un aperitivo (non è economico, ma vale la pena).

L’autunno è uno dei momenti migliori per il lago. Nelle giornate senza vento diventa uno specchio dalla forma bizarra perfettamente riflettente.

In inverno i canali e la natura intorno hanno un aspetto malinconico sottolineato dalla foschia e dal silenzio della solitudine dei luoghi. Il colore ovattato del cielo può confondersi con quello del lago e allora il portale sembra aprirsi e l’ingresso è solo ad un passo.

In primavera è facile fare le prime esplorazioni del lago in canoa e sdraiarsi a ritorno sul prato; alle spalle la montagna che è sempre verde ma a primavera sembra un verde colorato di fresco.

Il TRAMONTO ALLA DARSENA DI PAOLA

Inutile dirlo e raccomandarsi: al tramonto il cielo oltre il muro di dune che separano il lago dal mare si accende e si specchia nell’acqua. Ogni tramonto è diverso dall’altro e stancarsi è molto difficile.

Precedente Cosa vedere a Ponza in due giorni Successivo La pietraia: il sentiero panoramico del Promontorio del Circeo

Lascia un commento

*