L’antica via Severiana

TEMPO DI LETTURA: 3 minuti

VIA SEVERIANA

I Romani avevano costruito al Circeo un porto canale (la Darsena di Paola) per collegare le ville sulle sponde del Lago di Paola al mare. Da qui passava l’antica via Severiana che si collegava all’Appia Antica a Terracina portando a sud, verso Napoli.

Sull’antico tracciato, ancora visibile, c’è un sentiero di trekking conosciuto anche come il sentiero dell’Oliveto.

GUARDA ANCHE: ITINERARI DEL PARCO NAZIONALE DEL CIRCEO

SENTIERO DELL’OLIVETO

Il sentiero dell’Oliveto parte da Torre Paola (proprio sotto la torre di Paola) e arriva all’area picnic del Peretto.

E’ un sentiero facile e di breve durata, ombroso in estate e senza salite ripide. Nel primo tratto corre accanto all’oliveto baronale, parallelo alla via che da San Felice Circeo porta al Lungomare di Sabaudia.

Lungo il sentiero ci sono resti archeologici romani dispersi in un bosco verde e fitto.

Il più facile da trovare (più o meno a metà cammino) è la Grotta della Sibilla: una grande cisterna romana e i resti di una villa probabilmente appartenuta ad un ex-soldato romano.

Più vicino a Torre Paola c’è invece la Villa delle 10 camere (le 10 camere sono in realtà cisterne). Mentre la prima è impossibile da non vedere, la seconda è un po’ più difficile da trovare.

Per vederla bisogna camminare accanto all’uliveto prestando attenzione ai resti di un muretto in opus romano che, ad un certo punto, invadono il sentiero. A quell’altezza si devia a destra nel bosco. Purtroppo non c’è un sentiero segnato.

GUARDA ANCHE: TREKKING NEL PARCO NAZIONALE DEL CIRCEO

L’antica via Severiana è segnata sulla mappa del Parco Nazionale del Circeo con il numero 751. Nei pressi dell’acquedotto di San Felice Circeo si prosegue sul sentiero 755 fino al Peretto. Qui sotto trovate la mappa dei sentieri del parco in cui è visibile il percorso che da Torre Paola arriva al Peretto.

VIA SEVERIANA

La via Severiana è illustrata nella Tabula Peutingeriana, la copia medievale di una mappa romana. La strada portava da Satricum a Terracina aggirando le paludi. Probabilmente ricalcava in parte l’attuale strada litoranea e poi costeggiava il monte Circeo fino a Torre Vittoria.

Sulla mappa arrivata fino a noi nella zona del Circeo sono segnalate due importanti stazioni di sosta: Circeios (nella zona di Torre Paola e del nostro sentiero) e Ad Turres (Torre Vittoria o Torre Olevola).

Lungo il tracciato che costeggia il monte oltre alle ville rustiche romane di cui abbiamo parlato più su c’erano delle aree sepolcrali. Le necropoli di Cala dei Pescatori (a Selva Piana) sono ancora lì, con una decina di sepolcri di cui uno perfettamente intatto.

Aggiornato il

 
Precedente Vigna La Corte a San Felice Circeo Successivo Le Grotte di Pilato a Ponza

Lascia un commento